Fare acquisti online è ormai entrato nella quotidianità di tutti noi, per questo poter sfruttare al meglio le potenzialità di un e-commerce è fondamentale per chi vuole imporsi sul mercato. Con il giusto investimento si possono raggiungere migliaia o addirittura milioni di potenziali clienti, ma bisogna impegnarsi affinché tutte le parti dell’immenso meccanismo funzionino alla perfezione. Infatti per avere un e-commerce di successo bisogna prestare attenzione a tutti gli aspetti, dalla navigazione semplice e veloce a una perfetta struttura di logistica e magazzino, dal costumer care alle attività di SEO e marketing. Tuttavia, anche se gli e-commerce hanno una grandissima diffusione, capita spesso di incontrare siti che deludono le nostre aspettative, spingendoci a acquistare da un’altra parte. 
Quali sono gli errori più frequenti?
Sito non aggiornato
Un e-commerce è la vetrina principale dell’attività e deve sempre essere curato nei minimi dettagli. Per questo l’errore più grave che si possa fare è non aggiornare costantemente il proprio sito. Cosa pensereste se passeggiando lungo le vie della città vedeste la vetrina di un negozio che parla di sconti sugli alberi di Natale il 31 Dicembre o di sconti per le vacanze estive a fine settembre? Sicuramente non vi darebbero molta fiducia. La stessa cosa accade per quei piccoli e-commerce che mantengono attivi banner promozionali con coupon scaduti o non più validi o la vendita di prodotti fuori produzione. Meglio fare un po’ più di attenzione e ricordarsi di rimuoverli per tempo!
Recensioni
Quando parliamo di e-commerce poi ci viene naturale pensare alle recensioni dei prodotti, usatissime dai possibili clienti per decidere di acquistare e spesso sottovalutate dai venditori. Soprattutto per gli e-commerce più piccoli può infatti capitare di non trovare questa comoda funzionalità, una grave mancanza che rischia di indebolire fin da subito la fiducia dell’utente.
Un altro errore da evitare riguarda le modalità di richiesta di recensioni. Se il cliente si trova davanti un lungo elenco di domande, la richiesta di un testo dettagliato o l’invio di una mail per lasciare il proprio commento è facile che rinunci a lasciare una recensione. Molto meglio puntare su una comunicazione semplice e veloce, come la valutazione tramite stelline, eventualmente con l’opzione facoltativa per l’aggiunta di un messaggio.
Link generici nelle Ads
Un altro errore molto frequente riguarda i link presenti negli annunci pubblicitari sui social. Avete presente i caroselli di Facebook? I venditori meno esperti inseriscono sotto ai prodotti un link generico al sito invece di quello specifico del prodotto raffigurato. In questo modo gli utenti, anche se potenzialmente interessati, una volta arrivati sull’e-commerce “si perdono” e, non visualizzando più l’articolo che li aveva attirati, rinunciano sia alla ricerca che all’acquisto. Il consiglio migliore in questo caso è l’utilizzo del pulsante “Acquista ora” legato ai prodotti da promuovere.
Prezzi poco chiari o nascosti
Infine un altro errore che fa perdere completamente la fiducia nei confronti di un brand è il nascondere i prezzi accessori, come le spese di spedizione e di reso. È vero che per l’azienda è sufficiente inserire questi dati nella pagina con le condizioni di vendita, ma è sempre buona prassi renderli ben visibili per gli utenti, in modo da non farli sentire “truffati”.

Questi sono solo i principali errori da evitare per avere un e-commerce di successo, ma ne esistono altri che vanno valutati di caso in caso in base al settore di vendita, al target di riferimento e al numero di utenti raggiunti. Con i giusti suggerimenti riuscire ad evitarli sarà molto più semplice!

You may also like

Back to Top