L’informativa sui cookie, da molti anni presente nei banner o nei pop up di ogni sito internet, presto subirà dei cambiamenti. Siamo abituati a ignorare il banner e dare il nostro consenso senza leggere quale sarà l’uso dei cookie, ma presto questo non sarà più possibile. Una sentenza della Corte di giustizia Europea stabilisce infatti che il consenso dato “ciecamente” non è più valido.
Se le caselle di profilazione o di cessione dei dati a terze parti sono preselezionate il consenso dell’utente non potrà più essere considerato attivo e inequivocabile come richiesto dal GDPR (Regolamento generale europeo per la protezione dei dati) e quindi non potremo tracciare i dati ricevuti. 
Finora l’interpretazione era sempre stata più elastica, non si faceva caso a come il consenso veniva espresso e se l’utente non deselezionava una casella si accettava il fatto come un consenso implicito. 
La Corte ha però stabilito che in questi casi non si può escludere che l’utente abbia ignorato le informazioni relative alla casella preselezionata e che quindi non abbia effettivamente dato il consenso al trattamento dei dati. 
Per tutelare la privacy e qualsiasi informazione fornita dagli utenti da ora in poi è quindi necessario effettuare il tracciamento dei cookie solo se espressamente indicato dall’utente e segnalare nella cookie policy, in modo chiaro e comprensibile, come verranno usati i dati, per quanto tempo e se verranno ceduti a terze parti.
Questa decisione, arrivata mentre il nuovo Regolamento ePrivacy è ancora in fase di revisione, spaventa molte aziende abituate a lavorare sul web. Ottenere dati di profilazione attraverso una selezione spontanea delle caselle di tracciamento dei cookie è infatti molto più difficile e probabilmente avrà un impatto rilevante su chi fa business attraverso le pubblicità personalizzate. 
Per aggirare in parte questo problema tra le proposte del nuovo regolamento c’è anche la possibilità di avere un controllo centralizzato dei cookie direttamente sul browser dell’utente, in modo da evitargli di dover concedere o negare il consenso su ogni nuovo sito che visita. 
In attesa che questo regolamento entri in vigore resta comunque il fatto che da ora in poi anche se non leggiamo il banner dei cookie non saremo più tracciati. Una grossa novità!

You may also like

Back to Top